Forte di vent’anni di impegno nell’ambito educativo e formativo e dei primi riconoscimenti da parte della comunità accademica italiana ed internazionale – tra cui lo studio condotto  dall’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e dall’Università di Padova -, Rondine Cittadella della Pace ha elaborato il Metodo Rondine per la trasformazione creativa dei conflitti, che si propone con un approccio innovativo alle tematiche prioritarie del nostro tempo e come fonte di ispirazione per l’elaborazione di percorsi formativi specifici ad ogni contesto socio-culturale e ad ogni fascia d’età.

Dopo le prime, positive esperienze condotte nel 2018 – che hanno trovato un ottimo riscontro e suscitato numerose richieste da tutta Italia – Rondine presenta oggi il Corso sul Metodo Rondine, che si terrà presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose della Toscana “Santa Caterina da Siena” (Polo di Arezzo).

Il corso accademico vuole fornire gli strumenti per comprendere come il Metodo Rondine affronti le tematiche più urgenti e prioritarie del nostro tempo, in un percorso che si sviluppa su poli in costante dialogo: umanizzazione / disumanizzazione, conflitto interno / conflitto della relazione, dispersione / coesione, persona / ruolo professionale, inimicizia / amicizia, aggressività / violenza.

Rivolto principalmente a docenti e formatori, ma aperto a tutti in qualità di uditori, il corso è tenuto da un’equipe di psicologi e formatori diretta da Franco Vaccari, psicologo e fondatore di Rondine. Sono previsti, inoltre, interventi-testimonianza dei giovani dello Studentato Internazionale – World House, che provengono da contesti di conflitto o post-conflitto e che nella Cittadella della Pace scoprono la persona nel proprio nemico, attraverso la convivenza quotidiana e un percorso di alta formazione accademica.

Per informazioni e iscrizioni:

segreteria@issrarezzo.com


 

CORSO SUL METODO RONDINE

Crescita della relazione e della persona attraverso il conflitto: la teoria della trasformazione creativa dei conflitti

Ogni lezione è divisa in tre moduli di 45 minuti ciascuno

Orari: 14,45 – 15,30 / 15,30 – 16,15 / 16.30 – 17,15

Sabato 16 marzo

·       Introduzione – Genesi del Metodo Rondine: il processo, da un’esperienza ventennale d’indole socio-psico-pedagogica e antropologica

·       In che senso Metodo: il problema della trasferibilità

·       La prima parola-chiave: relazione (“funzione membrana”, terzo e pseudorelazione)

Sabato 23 marzo

·       La seconda parola-chiave: il conflitto come costitutivo dell’esistenza (definizione e sua ricollocazione)

·       Panoramica storica interdisciplinare: sociologia, filosofia, psicologia, psicanalisi, pedagogia, il conflitto nel Moderno e nella Modernità, conflict resolution e studi sulla pace)

·       Conflitto, dolore, fiducia e crescita

Sabato 13 aprile

·       La terza parola chiave: la persona, essere dialogico e meta-cognizione

·       La teoria della relazione del Metodo Rondine (relazione in 3D)

·       Lo specchio conflittuale, la soglia nella relazione. Risoluzione o trasformazione?

Sabato 27 aprile

·       Le ferite della relazione: rabbia, aggressività e violenza

·       Evitamento del dolore, del conflitto o della violenza?

Sabato 4 maggio 

·       La costruzione del nemico

·       I precursori del nemico

·       La decostruzione del nemico

Sabato 11 maggio

·       Metodo Rondine, archiviazione della guerra e uscita dal “Polemocene”

·       Discussione finale

Sabato 18 maggio

Sabato 25 maggio

Esercitazioni: applicazioni del Metodo Rondine in diversi ambiti relazionali e sociali

Post Precedente
Post Successivo