La Fondazione Vodafone Italia sostiene la startup di Nest, la rete degli ex studenti del Quarto Anno per lo sviluppo di progetti di impatto sociale nei territori di appartenenza  

 

Se il Percorso Ulisse sviluppato da Rondine ha permesso agli studenti del Quarto Anno Liceale d’Eccellenza di tutta Italia di acquisire strumenti, competenze e un knowhow unico sulla trasformazione del conflitto, Itaca sarà il ritorno a casa e il punto di arrivo del loro viaggio. Il progetto Itaca sostenuto dalla Fondazione Vodafone Italia è stato presentato oggi nell’ambito di YouTopic Fest il festival internazionale del conflitto di Rondine e ha come obiettivo il rafforzamento del network Nest (National Experimental Sudents Team) la rete degli ex studenti per lo sviluppo di progetti di impatto sociale nei territori di appartenenza.

“L’assunto alla base del Metodo di Rondine è che il conflitto fa parte di ogni essere umano, in tutte le sue molteplici sfumature e se riconosciuto, affrontato, gestito e trasformato diventa una risorsa generatrice di relazioni autentiche – afferma Franco Vaccari, Presidente di Rondine – anche per questo siamo felici di avere ancora al nostro fianco la Fondazione Vodafone Italia che ha creduto nella forza del cambiamento e che sosterrà questi giovani perché possono rendere efficace la loro azione in tutti i territori italiani.”

Il loro intervento aiuterà a individuare le criticità di ogni territorio e ad elaborare una progettazione innovativa che tenga conto delle diversità specifiche. Generatività, inclusione, innovazione, sono le parole chiave di questa startup che si fonda su una cittadinanza attiva in grado di essere globale e locale contemporaneamente.

“Il modello e l’esperienza sviluppati qui a Rondine sono un patrimonio per la formazione delle nuove generazioni che deve essere diffuso e condiviso – dichiara Donatella Isaia, Presidente di Fondazione Vodafone Italia intervenuta nell’occasione – La chiusura di questo percorso scolastico e la sistematizzazione del modello che abbiamo contribuito a realizzare, imprimerà una forte accelerazione nella diffusione di una cultura inclusiva che, attraverso l’esperienza di questi ragazzi, si estenderà in altre zone d’Italia con ricadute sociali tangibili. Sostenere lo sviluppo di nuovi modelli di leadership – prosegue Isaia –  ci vede impegnati sia come Fondazione che come azienda, nella convinzione che la condivisione di questi valori con altri attori della società civile, favorisca un cambiamento culturale e sociale all’interno dei diversi territori”.

Il Quarto Anno Rondine è un’opportunità educativa, formativa e di studio, riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca come percorso di sperimentazione per l’innovazione didattica, che permette a giovani talentuosi e meritevoli dei Licei Classico, Scientifico e delle Scienze Umane italiani, di frequentare un anno di scuola nell’ambiente interculturale della Cittadella della Pace di Arezzo. Un’esperienza che ha generato un network in continua crescita composto già da 104 ex studenti altamente formati sulla trasformazione creativa dei conflitti, con una molteplicità di talenti e competenze professionali: un capitale umano di incredibile valore per i territori locali e una fonte di ricchezza per lo sviluppo e l’attuazione di progetti a forte impatto sociale con finalità di coesione sociale.

Tra gli elementi di innovazione del progetto Itaca che saranno messi in campo, un progettista sociale, un tutor e infine la piattaforma E-QAR uno spazio virtuale in cui i giovani di Nest potranno condividere le proprie idee, che coniuga un percorso formativo di e-learning dedicato alla progettazione e all’impresa sociale, con una piattaforma di crowdfunding aperta a tutti.

La giornata ha visto la chiusura dei percorsi formativi dei giovani della Cittadella della Pace. Da oggi i 10 giovani della World House, provenienti da luoghi di conflitto e i 27 studenti della quarta edizione del Quarto Anno Rondine di tutta Italia torneranno nei lori Paesi e nelle loro città per diventare agenti di cambiamento e concretizzare i progetti che hanno elaborato durante la loro permanenza a Rondine, ormai sempre più luogo di incubazione di pace.

YouYopic Fest prosegue domani, domenica 9 giugno con la corsa\camminata ecologica YouTopic Family Eco Run&Walk promossa dal Coordinamento informale delle Associazioni della Riserva di Ponte a Buriano e Penna, in collaborazione con Decathlon Arezzo. Alle 14 “L’analisi dei conflitti e il ruolo dei media” che vedrà interventi di reporter e inviati di guerra come Giovanni Porzio, Gabriella Simoni e Pietro Veronese del Il Venerdì di Repubblica. Ma anche Giampiero Gramaglia, per molti anni corrispondente estero dell’ANSA, oggi direttore responsabile “AffarInternazionali”, Livia Grossi del Corriere della Sera e Rana Awad, ex studentessa di Rondine palestinese, esperta di comunicazione e nuovi media.

La conclusione sarà dedicata alla Campagna di Rondine “Leaders for Peace” e i giovani di Rondine rilanceranno il loro Appello ai capi di Stato e alla comunità internazionale perché sostengano la formazione di nuovi leader e la costruzione di un futuro di pace. Ma prima un’occasione per riflettere insieme a docenti ed esperti internazionali sulla leadership come processo di interazione interpersonale, nelle sue diverse dimensioni.

Per info e accreditamento: è possibile iscriversi attraverso il sito https://youtopicfest.rondine.org/ dove sarà possibile seguire tutti gli aggiornamenti sul festival.

 

Il Quarto Anno Liceale d’Eccellenza è realizzato con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e Regione Toscana e grazie ai fondi dell’8 x 1000 alla Chiesa Cattolica Italiana.  Tra i partner sostenitori Fondazione di Sardegna, Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, Fondazione Onlus Niccolò Galli, Fondazione Friuli, Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, Compagnia di San Paolo, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Fondazione Vincenzo Casillo, Aboca, Tecnologie d’Impresa, BCC Pisa e Fornacette e Fondazione Coca-Cola HBC Italia. La casa editrice Loescher ha messo a disposizione gratuitamente la fornitura dei libri scolastici. Da quest’anno inoltre grazie al supporto della Fondazione Coca-Cola HBC Italia il “Percorso Ulisse” è stato implementato attraverso il programma #YouthEmpowered che vuole unire i giovani, il digitale e lo sviluppo del talento per supportarli nella transizione dalla scuola al mondo del lavoro. Inoltre il progetto è realizzato in collaborazione con l’Istituto Jacques Maritain, PlefPlanet Life Economy Foundation, Goel-Gruppo Cooperativo e Nuovo Laboratorio di Psicologia di Arezzo e il programma “Jointly push to open”.

Post Precedente
Post Successivo